Differenza tra separazione consensuale e giudiziale: vantaggi e svantaggi

da | Mag 22, 2023 | News

Durante i numerosi incontri tenutisi presso il mio Studio i clienti spesso mi hanno rivolto questa domanda diretta: qual è la differenza tra separazione consensuale e giudiziale?

Sebbene possa sembrare agevole dare una risposta immediata a tale quesito, desidero provare a descrivere qui in modo quanto più esaustivo, oltre alle differenze sostanziali che caratterizzano i due tipi di procedura, anche i vantaggi e gli svantaggi correlati al tipo di separazione.

Sapere in anticipo quali vantaggi e svantaggi comporta la scelta di una o dell’altra procedura, infatti, può aiutare significativamente i coniugi nell’orientarsi nella decisione da assumere per porre fine al loro matrimonio.

Separazione consensuale

Cominciamo col dire che la separazione consensuale è il procedimento attraverso il quale i coniugi, di comune accordo, decidono di separarsi determinando autonomamente le condizioni economiche e di affidamento dei figli.

Esso si fonda quindi sul consenso manifestato da entrambi i coniugi che giungono ad un accordo sulle condizioni della separazione.

Tale accordo viene poi formalizzato mediante il deposito di in un ricorso congiunto presso il Tribunale competente.

Separazione giudiziale: cos’è e cosa bisogna sapere 

La separazione giudiziale, invece, è un procedimento contenzioso attraverso cui uno dei due coniugi ricorre al Tribunale per ottenere la pronuncia di una sentenza di separazione coniugale.

Tale tipologia di separazione dev’essere necessariamente avviata su impulso di uno dei due coniugi quando l’altro non ha alcuna intenzione di separarsi, sebbene è doveroso ricordare che ciascun coniuge ha il diritto di separarsi, oppure quando manca l’accordo in ordine alle condizioni di separazione.

In tali casi, pertanto, il coniuge interessato sarà costretto necessariamente ad avviare un procedimento di separazione giudiziale per ottenere la separazione personale.

Quale delle due procedure è più conveniente

Quanto ai possibili vantaggi e svantaggi ai quali si può andare incontrando optando per una o l’altra procedura, è doveroso rilevare che la separazione consensuale è senz’altro la scelta più conveniente sotto molteplici profili.

I vantaggi connessi a una separazione consensuale

I tempi della procedura

I tempi per separarsi consensualmente innanzi al Tribunale, ottenendo così l’omologazione delle condizioni di separazione proposte con il ricorso, sono decisamente più brevi rispetto a quelli previsti per chi decide di intraprendere una separazione giudiziale (in pochi mesi si riesce ad ottenere un provvedimento giudiziale che recepisce gli accordi raggiunti tra i coniugi).

La possibilità di concordare le condizioni

Con la separazione consensuale i coniugi hanno la possibilità di definire l’assetto delle condizioni che disciplinerà il loro futuro rapporto.

Le condizioni raggiunte dai coniugi verranno trasfuse nel decreto di omologazione emesso dal Tribunale, senza il rischio per ciascun di loro di incorrere in una pronuncia giudiziale contenente condizioni più sfavorevoli rispetto a quelle previste nell’accordo rifiutato.

La possibilità di non comparire alla prima udienza

A seguito della riforma Cartabia, ai sensi del nuovo articolo 474 bis.51 c.p.c., con la separazione consensuale i coniugi hanno la facoltà di sostituire l’udienza con il deposito di note scritte evitando così di presenziare in Tribunale.

I costi contenuti della procedura

La separazione consensuale, implicando un’attività più contenuta da parte del difensore, prevede dei costi nettamente inferiori rispetto a quelli previsti per l’assistenza legale da prestarsi in una separazione giudiziale.

Gli effetti successivi 

Da ultimo, aspetto che ritengo più rilevante, con la separazione consensuale, evitando un procedimento di natura contenziosa, vi è sicuramente maggior possibilità che i coniugi riescano a mantenere un clima familiare più sereno e disteso anche nella fase successiva alla separazione.

Condizione questa da cui potranno trarne sicuro beneficio non solo i coniugi direttamente coinvolti ma altresì gli altri familiari, in special modo gli eventuali figli della coppia.

Motivi che possono giustificare la scelta di procedere con una separazione giudiziale

Le principali ipotesi che possono giustificare la necessità di procedere con una separazione giudiziale sono la volontà di uno dei coniugi di richiedere l’addebito della separazione nell’ipotesi in cui il medesimo ritenga che la crisi coniugale sia stata causata da un comportamento dell’altro coniuge che ha violato uno o più doveri matrimoniali e l’impossibilità riscontrata dalle parti e dai loro difensori di raggiungere un accordo sulle condizioni di separazione.

In conclusione

Alla luce di tutte le sopra svolte considerazioni, appare evidente che, laddove non si verifichino le condizioni appena menzionate, risulta sempre preferibile intraprendere una procedura di separazione consensuale.

Avvocato Cristiano Galli

 

Se vuoi conoscere meglio i servizi offerti dallo Studio in questa materia visita la pagina Diritto di famiglia e delle successioni.

Vuoi maggiori informazioni sulla differenza tra separazione consensuale e giudiziale? Contattaci per maggiori informazioni

Seguici su Facebook, Instagram e Linkedin

Licenziamento collettivo: cos’è e come difendersi

Un tema molto interessante da trattare è sicuramente quello del licenziamento collettivo. Come già accennato nell’articolo Quanti tipi di licenziamento esistono nel nostro ordinamento?, il licenziamento collettivo è una procedura che diverge per molti aspetti dalle...

Stalking: il reato e le pene previste

Oggi esamineremo nel dettaglio una fattispecie di reato molto discussa negli ultimi anni e che ancora oggi è spesso al centro del dibattito pubblico: lo stalking. IN COSA CONSISTE IL REATO DI STALKING Il reato di atti persecutori più comunemente conosciuto come...

Dimissioni nel periodo di prova

Nei contratti di lavoro sia a tempo determinato che a tempo indeterminato può essere previsto il c.d. periodo di prova. PERIODO DI PROVA Il periodo di prova è il periodo individuato dalle parti durante il quale ciascuna valuta la convenienza del rapporto instaurato....

Contestazione assenza ingiustificata

Un tema interessante da trattare è l’assenza ingiustificata del dipendente dal luogo di lavoro. Le due domande principali da porsi sono: - quando si configura l’assenza ingiustificata, - quali sono le possibili conseguenze per il dipendente. ASSENZA INGIUSTIFICATA...

Separazione diritti della moglie casalinga

Capita spesso che si rivolgano al nostro studio donne che durante tutto il matrimonio si sono dedicate alla cura della famiglia e degli incombenti domestici. Questa scelta di vita è quasi sempre frutto di una decisione concordata con il marito all’inizio del...

Guida in stato di ebbrezza

Sempre più numerosi sono i clienti che si rivolgono al nostro Studio per essere difesi nei procedimenti penali per guida in stato di ebbrezza. Esaminiamo di seguito la fattispecie di reato, le sanzioni previste e i rimedi esperibili. IL REATO DI GUIDA IN STATO DI...

Affidamento condiviso

Durante gli incontri nel nostro Studio spesso i clienti ci rivolgono queste domande: che cosa s’intende per affidamento condiviso? Cosa prevede questo tipo di regime? Proviamo qui di seguito a rispondere in modo quanto più esaustivo a queste domande analizzando...

Lettera di richiamo

La lettera di richiamo è una delle sanzioni conservative applicabili al lavoratore al termine di un procedimento disciplinare. LA LETTERA DI RICHIAMO È UN PRECEDENTE DISCIPLINARE Nel caso in cui il datore di lavoro decida di non accogliere le giustificazioni rese dal...

Diritti e doveri del lavoratore

Il rapporto che si instaura tra il datore di lavoro e il lavoratore al momento della firma del contratto di assunzione impone a entrambi il rispetto di diritti e di doveri. Quali sono i diritti e i doveri del lavoratore dipendente? Questa è sicuramente la domanda che...

Separazione con addebito

Quando ricevo nel mio Studio clienti che intendono procedere con la separazione personale questi mi chiedono spesso: mio marito/moglie mi ha preannunciato che chiederà nei miei confronti una separazione con addebito, ma cosa significa esattamente? Esaminiamo oggi nel...

Contestazione disciplinare

Nei numerosi anni che compongono la carriera lavorativa di un dipendente capita ormai sempre più spesso di ricevere una lettera di contestazione disciplinare. Con la lettera di contestazione disciplinare il datore di lavoro da avvio al c.d. procedimento disciplinare...

Recupero crediti importo minimo

Una delle domande che ci vengono poste più frequentemente dai nostri clienti è questa: esiste un importo minimo per azionare il recupero crediti nei confronti di un debitore? RECUPERO CREDITI IMPORTO MINIMO Innanzitutto, è...
Avvia chat
Ciao, possiamo aiutarti?