Divorzio breve: che cosa si intende con questa espressione?

da | Dic 15, 2023 | News

Da un po’ di anni i nostri clienti, durante gli incontri che si tengono nel nostro Studio, ci rivolgono spesso questa domanda: ho sentito dire che ora è possibile fare il divorzio breve, di che cosa si tratta?

Facciamo chiarezza su che cosa si intende quando si parla di “divorzio breve”.

CHE COSA NON È

Prima di illustrare che cos’è il divorzio breve, al fine di evitare qualsiasi equivoco in ordine all’argomento in oggetto, è necessario chiarire cosa non è il divorzio.

A dispetto di quanto si possa pensare: il divorzio breve non è un procedimento alternativo rispetto al divorzio giudiziale o congiunto.

CHE COS’È 

È un’espressione che è stata introdotta nel 2015 con l’avvento della legge n. 55/2015.

Questa legge ha ridotto drasticamente il tempo necessario per ottenere una sentenza di divorzio consentendo così ai coniugi di sciogliere in breve tempo il vincolo coniugale.

Prima di questa legge, infatti, i coniugi dovevano attendere 3 anni dalla separazione per poter procedere al divorzio.

Dall’entrata in vigore della citata legge, invece, è possibile divorziare in un tempo molto più rapidi:

– dopo solo 6 mesi dalla separazione in caso di separazione consensuale;

– dopo solo 12 mesi dalla separazione in caso di separazione giudiziale.

DECORRENZA DEL TERMINE PER PROCEDERE AL DIVORZIO

Ma da quando esattamente decorre il termine per poter avviare il procedimento divorzile?

Comunemente si pensa che il termine per poter divorziare decorra dalla data dell’emanazione del provvedimento che definisce il procedimento, quindi dalla sentenza del tribunale.

In realtà non è così.

Il termine decorre dalla data di prima udienza di comparizione delle parti davanti al giudice relatore (prima della riforma Cartabia il giudice competente era il Presidente del Tribunale).

È bene tenere a mente questa precisazione per risparmiare tempo che potrebbe rivelarsi prezioso.

I coniugi che sono a conoscenza di questa norma, infatti, potranno incardinare il procedimento di divorzio in tempi stretti anche quando il provvedimento del Tribunale è stato emesso molto tempo dopo la data della prima udienza di comparizione (cosa che avviene molto frequentemente soprattutto nei Tribunali più grandi).

LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA

Alcune volte i media hanno fatto rientrare nella nozione in esame anche la procedura della negoziazione assistita.

Tale procedura è una delle procedure consensuali di divorzio introdotte con la legge n. 162/2014 che consente alle parti di sciogliere il vincolo coniugale senza andare in tribunale.

Con questa procedura i coniugi possono senz’altro risparmiare tempo rispetto ad una procedura ordinaria.

Con la negoziazione assistita, infatti, gli avvocati, dopo aver fatto firmare l’accordo ai coniugi, lo presentano direttamente alla Procura della Repubblica competente per ottenere il nulla osta.

Dopo alcuni giorni, il procuratore incaricato concede il nulla osta che sancisce la fine del matrimonio.

In questo caso si salta l’udienza di comparizione delle parti, che spesso viene fissata dalle cancellerie dei Tribunali dopo molti giorni dalla data di deposito del ricorso.

IL “DIVORZIO VELOCE” INTRODOTTO DALLA RIFORMA CARTABIA

Un “upgrade” normativo molto importante volto alla riduzione dei tempi della giustizia è stato quello introdotto dalla Riforma Cartabia, d.lgs. 10 ottobre 2022, n. 150, che ha previsto la possibilità per i coniugi di richiedere il cd. divorzio veloce.

Come già illustrato nell’articolo del nostro blog  Separazione consensuale dopo la riforma Cartabia: tutte le novità, la riforma in commento consente ai coniugi di proporre simultaneamente la domanda di separazione e divorzio.

La giurisprudenza ha chiarito recentemente che tale possibilità sussiste anche per i procedimenti consensuali (Tribunale di Verona, sentenza 30 giugno 2023).

È innegabile che tale facoltà concessa ai coniugi permette senza ombra di dubbio di ridurre drasticamente i tempi necessari per ottenere una pronuncia di scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio.

Con il cumulo delle domande, infatti, si può ottenere la separazione e il divorzio insieme in un unico giudizio senza dover incardinare obbligatoriamente due distinti procedimenti.

SUGGERIMENTO PRATICO

Ai clienti che vogliono divorziare in tempi brevi dal proprio partner posso suggerire di contattare il proprio legale di fiducia e far presente da subito questa necessità.

Il legale, dopo aver analizzato tutte le criticità che possono emergere ed aver analizzato il caso specifico, potrà indirizzare il cliente sulla scelta di quale soluzione adottare tra quelle sopra illustrate per risparmiare il più possibile in termini di tempo.

Avvocato Cristiano Galli

 

Se vuoi conoscere meglio i servizi offerti dallo Studio in questa materia visita la pagina Diritto di famiglia e delle successioni.

Vuoi maggiori informazioni sul divorzio breve? Contattaci e saremo lieti di rispondere alle tue domande.

Seguici su FacebookInstagram e Linkedin.

Somministrazione di manodopera e appalto non genuino

SOMMINISTRAZIONE DI MANODOPERA In generale il termine somministrazione di manodopera definisce l’istituto giuridico che consente ad un soggetto terzo di utilizzare risorse lavorative dipendenti da altro datore di lavoro. I SOGGETTI COINVOLTI Nella somministrazione di...

Rinuncia all’eredità: come farla e gli errori assolutamente da evitare

RINUNCIA ALL’EREDITÀ: CHE COS’È La rinuncia all’eredità è l’atto con il quale il chiamato all’eredità dichiara di non voler accettare l’eredità. QUANDO CONVIENE FARLA? La rinuncia l’eredità è una scelta che è utile adottare...

Buon natale 2023 e felice anno nuovo

Carissimi, è in un anno così turbolento come quello che ci stiamo lasciando alle spalle che abbiamo voglia di porgere a tutti Voi i nostri più sinceri auguri di buon natale e di felice anno nuovo. Il 2023, è stato senz’altro un...

Patto di stabilità nei contratti di lavoro: cos’è e cosa prevede

Il patto di stabilità rappresenta una delle tecniche utilizzate dal datore di lavoro per fidelizzare il proprio dipendente. Gli strumenti di fidelizzazione previsti dal legislatore e dalla prassi sono: il patto di stabilità; il patto di non concorrenza (il tema è...

Separazione per tradimento, le prove: quali possono essere?

Molto spesso ci contattano dei clienti che lamentano di essere stati traditi dal proprio partner. La prima domanda che ci pongono è questa: che prove posso utilizzare in giudizio per chiedere una separazione con addebito per un tradimento avvenuto durante il...

Patto di non concorrenza: cos’è e come funziona

Un tema molto interessante da trattare nell'ambito dei rapporti di lavoro è sicuramente il patto di non concorrenza. LA NOZIONE DI PATTO DI NON CONCORRENZA Il patto di non concorrenza è uno strumento con cui il datore di lavoro limita la possibilità del lavoratore di...

Stalking reciproco: si configura il reato?

LA DOMANDA: STALKING RECIPROCO, SI CONFIGURA IN QUESTA CASO IL REATO? Nell’articolo di oggi analizzeremo una recentissima pronuncia in tema di atti persecutori "Stalking", emessa quest’estate in data 1 agosto 2023, che risponde precisamente alla nostra domanda (se...

Separazione e divorzio: scopri tutte le differenze

Molto spesso alcune clienti chiamano in Studio e pronunciano ad alta voce la fatidica frase “voglio divorziare da mio marito!!”. Di fronte a questa dichiarazione di intenti, rispondo subito: “mi scusi signora, mi consenta una domanda: ma Lei è quindi già separata?”....

Lavoro subordinato: come si accerta il vincolo di subordinazione

L’evoluzione del mercato del lavoro ed in particolare le esigenze di flessibilità emerse con maggior forza negli ultimi anni hanno generato nuove forme contrattuali nelle quali è sempre più difficile cogliere il discrimine tra subordinazione e autonomia lavorativa. LA...

Separazione consensuale dopo la riforma Cartabia: tutte le novità

Oggi esamineremo le più rilevanti novità introdotte dal d.lgs. 10 ottobre 2022, n. 150 c.d. Riforma Cartabia nell’ambito specifico del procedimento di separazione consensuale. NUOVA NORMATIVA Innanzitutto, è doveroso evidenziare che la separazione consensuale, che...

Licenziamento collettivo: cos’è e come difendersi

Un tema molto interessante da trattare è sicuramente quello del licenziamento collettivo. Come già accennato nell’articolo Quanti tipi di licenziamento esistono nel nostro ordinamento?, il licenziamento collettivo è una procedura che diverge per molti aspetti dalle...

Stalking: il reato e le pene previste

Oggi esamineremo nel dettaglio una fattispecie di reato molto discussa negli ultimi anni e che ancora oggi è spesso al centro del dibattito pubblico: lo stalking. IN COSA CONSISTE IL REATO DI STALKING Il reato di atti persecutori più comunemente conosciuto come...
Avvia chat
Ciao, possiamo aiutarti?