Garanzia per vizi della cosa venduta

da | Lug 14, 2023 | News

Cos’è la garanzia per i vizi della cosa venduta e cosa prevede per il venditore?

Tutti noi quotidianamente compriamo da terzi soggetti dei beni materiali che possono presentare vizi o difetti, di cui ci accorgiamo solo in un secondo momento della loro esistenza.

Ebbene, quando si versa in una simile ipotesi è senz’altro utile sapere se esistono e quali sono le azioni che possano tutelare i nostri diritti e interessi.

Incominciamo col dire che l’articolo 1490 c.c. dispone che Il venditore è tenuto a garantire che la cosa venduta sia immune da vizi che la rendano inidonea all’uso a cui è destinata o ne diminuiscano in modo apprezzabile il valore.”.

Questo significa che il venditore è obbligato per legge a garantire l’acquirente del fatto che il bene compravenduto sia immune da vizi e corrispondente alle qualità promesse.

Ora vediamo quali sono i tipi di vizi previsti dalla succitata norma che formano oggetto di garanzia. 

CARATTERISTICHE DEI VIZI PREVISTI DALL’ART. 1490 C.C.

È bene rammentare che non tutti i vizi sono ricompresi nella garanzia prevista dall’art. 1490 c.c.

La norma citata descrive due differenti tipologie di vizi che possono legittimare l’operatività della garanzia:

I vizi cd. redibitori

Si intende per vizio redibitorio quei difetti o imperfezioni riguardanti il processo di produzione, di fabbricazione e di formazione, che rendono la cosa inidonea all’uso al quale è destinata o ne diminuiscano in modo apprezzabile il valore (un esempio di vizio redibitorio può essere il difetto di fabbricazione di un macchinario che ne impedisce l’utilizzazione da parte dell’acquirente).

La mancanza di qualità

Dal vizio redibitorio va distinta la mancanza di qualità del bene venduto, che può riguardare tanto le qualità espressamente promesse quanto quelle essenziali per l’uso cui la cosa è destinata.

La mancanza di qualità è inerente alla natura della merce  e comprende tutti quegli elementi essenziali e sostanziali che influiscono sulla classificazione della cosa in una determinata specie piuttosto che in un’altra (esempio la vendita che ha per oggetto macchinari destinati ad utilizzi speciali e per cui si richiedono speciali perfezionamenti).

Entrambe queste due tipologie di vizi si differenziano dall’ipotesi di vendita di “aliud pro alio“ che si verifica quando il bene consegnato è completamente diverso da quello oggetto del contratto di vendita.

A tale fattispecie non si applica la normativa prevista per i vizi o la mancanza di qualità del bene venduto ma quella relativa all’azione generale di risoluzione ex art. 2946 c.c.

CASI DI ESCLUSIONE DELLA GARANZIA PER VIZI DELLA COSA VENDUTA

Oltre a quanto sinora detto, va segnalato che la legge prevede alcuni casi in cui l’operatività della garanzia per i vizi della cosa venduta deve ritenersi esclusa.

L’art. 1491 c.c. prevede che la il venditore non è tenuto alla garanzia se al momento della conclusione del contratto il compratore conosceva i vizi della cosa.
Allo stesso modo, secondo lo stesso articolo, la garanzia non è dovuta se i vizi erano facilmente riconoscibili, salvo che il venditore abbia dichiarato che la cosa era esente dai vizi.
Infine, l’ultimo comma dell’art. 1490 c.c. prevede la possibilità per i contraenti di escludere o limitare la garanzia per vizi tramite apposita pattuizione.

In quest’ultimo caso, tuttavia, la norma prevede altresì che tali pattuizioni non abbiano effetto laddove il venditore abbia in malafede taciuto i vizi al compratore.

RIMEDI ESPERIBILI

Quando il compratore scopre che il bene acquistato presenta dei vizi può esercitare alternativamente due differenti azioni:

La risoluzione del contratto

Con l’azione di risoluzione l’acquirente intende ottenere lo scioglimento del vincolo contrattuale sorto con la stipulazione del contratto di vendita. In questo caso, la risoluzione del contratto comporta il ripristino della situazione anteriore e pertanto il venditore dovrà restituire il prezzo e rimborsare le spese ed i pagamenti legittimamente fatti per la vendita.

La riduzione del prezzo

Con l’azione di riduzione del prezzo, l’acquirente intende ottenere una diminuzione del prezzo pattuito in ragione della minore utilità offerta dal bene acquistato.

In entrambi i casi, il venditore è tenuto a risarcire al compratore tutti i danni derivanti dai vizi della cosa.

TERMINI E CONDIZIONI

Per esercitare tali azioni, il compratore dovrà rispettare due termini essenziali imposti dall’art. 1495 c.c.: un termine di decadenza e un termine di prescrizione.

L’art. 1495 c.c. prevede infatti che il compratore, per poter far valere la garanzia, deve denunciare i vizi riscontrati al venditore entro 8 giorni dalla scoperta. Tale denuncia non è necessaria se il venditore ha riconosciuto l’esistenza del vizio o l’ha occultato.

Il terzo comma del medesimo articolo prevede inoltre che l’azione del compratore, volta a far valere la garanzia per vizi contro il venditore, si prescrive in ogni caso nel termine di un anno dalla consegna del bene. 

AMBITO DI APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA DEL CODICE CIVILE

Da ultimo è doveroso rammentare che la disciplina codicistica, applicabile al contratto di compravendita in generale, non può applicarsi nel caso di vendita di beni di consumo, ossia per quei contratti in cui il venditore è un professionista e l’acquirente un consumatore.

In tal caso, infatti, la normativa applicabile è quella di cui al Codice del Consumo (D.lgs. n. 206/2005) che prevede una disciplina più favorevole nei confronti del consumatore.

Avvocato Cristiano Galli

 

Se vuoi conoscere meglio i servizi offerti dallo Studio in questa materia visita la pagina Diritto civile.

Vuoi maggiori informazioni sulla garanzia per vizi della cosa venduta? Contattaci e saremo lieti di rispondere alle tue domande.

Seguici su Facebook, Instagram e Linkedin.

Somministrazione di manodopera e appalto non genuino

SOMMINISTRAZIONE DI MANODOPERA In generale il termine somministrazione di manodopera definisce l’istituto giuridico che consente ad un soggetto terzo di utilizzare risorse lavorative dipendenti da altro datore di lavoro. I SOGGETTI COINVOLTI Nella somministrazione di...

Rinuncia all’eredità: come farla e gli errori assolutamente da evitare

RINUNCIA ALL’EREDITÀ: CHE COS’È La rinuncia all’eredità è l’atto con il quale il chiamato all’eredità dichiara di non voler accettare l’eredità. QUANDO CONVIENE FARLA? La rinuncia l’eredità è una scelta che è utile adottare...

Buon natale 2023 e felice anno nuovo

Carissimi, è in un anno così turbolento come quello che ci stiamo lasciando alle spalle che abbiamo voglia di porgere a tutti Voi i nostri più sinceri auguri di buon natale e di felice anno nuovo. Il 2023, è stato senz’altro un...

Divorzio breve: che cosa si intende con questa espressione?

Da un po’ di anni i nostri clienti, durante gli incontri che si tengono nel nostro Studio, ci rivolgono spesso questa domanda: ho sentito dire che ora è possibile fare il divorzio breve, di che cosa si tratta? Facciamo chiarezza...

Patto di stabilità nei contratti di lavoro: cos’è e cosa prevede

Il patto di stabilità rappresenta una delle tecniche utilizzate dal datore di lavoro per fidelizzare il proprio dipendente. Gli strumenti di fidelizzazione previsti dal legislatore e dalla prassi sono: il patto di stabilità; il patto di non concorrenza (il tema è...

Separazione per tradimento, le prove: quali possono essere?

Molto spesso ci contattano dei clienti che lamentano di essere stati traditi dal proprio partner. La prima domanda che ci pongono è questa: che prove posso utilizzare in giudizio per chiedere una separazione con addebito per un tradimento avvenuto durante il...

Patto di non concorrenza: cos’è e come funziona

Un tema molto interessante da trattare nell'ambito dei rapporti di lavoro è sicuramente il patto di non concorrenza. LA NOZIONE DI PATTO DI NON CONCORRENZA Il patto di non concorrenza è uno strumento con cui il datore di lavoro limita la possibilità del lavoratore di...

Stalking reciproco: si configura il reato?

LA DOMANDA: STALKING RECIPROCO, SI CONFIGURA IN QUESTA CASO IL REATO? Nell’articolo di oggi analizzeremo una recentissima pronuncia in tema di atti persecutori "Stalking", emessa quest’estate in data 1 agosto 2023, che risponde precisamente alla nostra domanda (se...

Separazione e divorzio: scopri tutte le differenze

Molto spesso alcune clienti chiamano in Studio e pronunciano ad alta voce la fatidica frase “voglio divorziare da mio marito!!”. Di fronte a questa dichiarazione di intenti, rispondo subito: “mi scusi signora, mi consenta una domanda: ma Lei è quindi già separata?”....

Lavoro subordinato: come si accerta il vincolo di subordinazione

L’evoluzione del mercato del lavoro ed in particolare le esigenze di flessibilità emerse con maggior forza negli ultimi anni hanno generato nuove forme contrattuali nelle quali è sempre più difficile cogliere il discrimine tra subordinazione e autonomia lavorativa. LA...

Separazione consensuale dopo la riforma Cartabia: tutte le novità

Oggi esamineremo le più rilevanti novità introdotte dal d.lgs. 10 ottobre 2022, n. 150 c.d. Riforma Cartabia nell’ambito specifico del procedimento di separazione consensuale. NUOVA NORMATIVA Innanzitutto, è doveroso evidenziare che la separazione consensuale, che...

Licenziamento collettivo: cos’è e come difendersi

Un tema molto interessante da trattare è sicuramente quello del licenziamento collettivo. Come già accennato nell’articolo Quanti tipi di licenziamento esistono nel nostro ordinamento?, il licenziamento collettivo è una procedura che diverge per molti aspetti dalle...
Avvia chat
Ciao, possiamo aiutarti?