Decreto Trasparenza contratti di lavoro

da | Lug 11, 2023 | News

Il tema degli effetti prodotti dall’entrata in vigore del decreto trasparenza ha stimolato un forte interesse sia nella parte datoriale sia nei lavoratori.

Il decreto trasparenza è stato emanato per recepire nel nostro ordinamento e quindi per adeguare la normativa già vigente in Italia a quanto previsto a livello europeo dalla Direttiva n. 2019/1152 in materia di condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili.

L’intervento normativo ha coinvolto quasi tutti i contratti di lavoro.

IL DECRETO TRASPARENZA AMBITO APPLICATIVO

Il decreto trasparenza è applicato in generale a tutti i contratti di lavoro:

– subordinati a tempo determinato ed indeterminato,

– a tempo pieno e a tempo parziale,

– in somministrazione,

-intermittenti,

– alle co.co.co (collaborazioni coordinate e continuative) e alle prestazioni occasionali. Queste ultime due forme con la specifica dell’applicazione del decreto trasparenza per quanto compatibile.

LE CONSEGUENZE DEL DECRETO TRASPARENZA EFFETTI SUI NUOVI E VECCHI CONTRATTI

Una volta chiarito l’ambito di applicazione del decreto è necessario distinguere, in breve, le conseguenze che ha prodotto sui contratti di lavoro da stipulare rispetto ai contratti di lavoro già in essere.

Per quanto riguarda i contratti non ancora formalizzati il decreto trasparenza ha esteso e arricchito l’obbligo informativo già previsto in capo al datore di lavoro imponendo la forma scritta (con modalità cartacea o telematica) e il suo adempimento entro un determinato termine.

Il datore di lavoro deve adempiere all’obbligo informativo necessariamente entro l’atto di costituzione del rapporto di lavoro e prima che il lavoratore esegua le prestazioni richieste o in ogni caso entro 7 giorni dalla stipula (per alcuni casi i termini sono più lunghi).

Per quanto riguarda invece i rapporti di lavoro già formalizzati il datore di lavoro ha l’obbligo di integrare la documentazione in possesso del lavoratore, su istanza formulata per iscritto da quest’ultimo, entro il termine di 60 giorni dalla ricezione della richiesta.

Infine, il datore di lavoro deve conservare la prova di avvenuta consegna delle informazioni per i 5 anni successivi alla risoluzione/cessazione del contratto di lavoro.

CONTENUTO DELL’OBBLIGO INFORMATIVO

Ma cosa deve comunicare il datore di lavoro?

Il datore di lavoro deve comunicare senz’altro le informazioni già previste prima dell’entrata in vigore del decreto trasparenza, a titolo esemplificativo: la specifica indicazione del datore di lavoro, l’eventuale durata del contratto (se contratto a tempo determinato), il luogo di esecuzione della prestazione, l’eventuale periodo di prova, in generale le mansioni richieste, il livello di inquadramento.

il datore di lavoro, inoltre, ha l’obbligo di informare il lavoratore della durata del periodo di ferie, della formazione che dovrà effettuare, del termine previsto in caso di recesso del datore di lavoro e del termine previsto per le dimissioni del lavoratore, dei casi e delle modalità per modificare i turni di lavoro.

Infine, ma non meno importante, il lavoratore deve essere informato dei soggetti a cui sono destini i contributi.

DURATA DELL’OBBLIGO DI INFORMAZIONE

L’obbligo di informazione non si esaurisce al momento della stipula del contratto appena sottoscritto o nel momento il cui il datore integra le informazioni su richiesta dal lavoratore.

L’obbligo di informazione sussiste per tutta la durata dal rapporto di lavoro fino alla sua cessazione in quanto il decreto trasparenza ha previsto in capo al datore di lavoro il medesimo obbligo di informazione anche per le eventuali modifiche intervenute in data successiva alla stipula del contratto.

Anche in questo caso il termine per adempiere è stringente, entro il primo giorno di effettiva modifica.

Non rientrano in questo caso e quindi fanno eccezione l’adeguamento a interventi legislativi o derivanti dalla contrattazione collettiva.

IL REGIME SANZIONATORIO

L’importanza riconosciuta al tema è evidente nel regime sanzionatorio applicato in caso di omissioni, di ritardi o di informazioni incomplete.

Le sanzioni sono di natura pecuniaria (da 250,00 euro a 1.500,00 euro) e si applicano per ogni singola violazione (per ogni lavoratore).

A rendere più gravoso il predetto regime è l’ulteriore previsione secondo cui al datore di lavoro è vietato licenziare, compiere atti discriminatori e anche attivare procedure di contestazione disciplinare nei confronti dei soggetti che chiedano l’attuazione di quanto previsto nel decreto trasparenza.

In caso di violazione, il lavoratore potrà adire l’autorità giudiziaria ed informare l’Ispettorato del lavoro che potrà applicare ulteriori sanzioni al datore di lavoro inadempiente.

Avvocato Francesca Del Duca

 

Se vuoi conoscere meglio i servizi offerti dallo Studio in questa materia visita la pagina Diritto del lavoro.

Vuoi maggiori informazioni su cosa prevede il Decreto Trasparenza per i contratti di lavoro? Contattaci e saremo lieti di rispondere alle tue domande.

Seguici su Facebook, Instagram e Linkedin.

Somministrazione di manodopera e appalto non genuino

SOMMINISTRAZIONE DI MANODOPERA In generale il termine somministrazione di manodopera definisce l’istituto giuridico che consente ad un soggetto terzo di utilizzare risorse lavorative dipendenti da altro datore di lavoro. I SOGGETTI COINVOLTI Nella somministrazione di...

Rinuncia all’eredità: come farla e gli errori assolutamente da evitare

RINUNCIA ALL’EREDITÀ: CHE COS’È La rinuncia all’eredità è l’atto con il quale il chiamato all’eredità dichiara di non voler accettare l’eredità. QUANDO CONVIENE FARLA? La rinuncia l’eredità è una scelta che è utile adottare...

Buon natale 2023 e felice anno nuovo

Carissimi, è in un anno così turbolento come quello che ci stiamo lasciando alle spalle che abbiamo voglia di porgere a tutti Voi i nostri più sinceri auguri di buon natale e di felice anno nuovo. Il 2023, è stato senz’altro un...

Divorzio breve: che cosa si intende con questa espressione?

Da un po’ di anni i nostri clienti, durante gli incontri che si tengono nel nostro Studio, ci rivolgono spesso questa domanda: ho sentito dire che ora è possibile fare il divorzio breve, di che cosa si tratta? Facciamo chiarezza...

Patto di stabilità nei contratti di lavoro: cos’è e cosa prevede

Il patto di stabilità rappresenta una delle tecniche utilizzate dal datore di lavoro per fidelizzare il proprio dipendente. Gli strumenti di fidelizzazione previsti dal legislatore e dalla prassi sono: il patto di stabilità; il patto di non concorrenza (il tema è...

Separazione per tradimento, le prove: quali possono essere?

Molto spesso ci contattano dei clienti che lamentano di essere stati traditi dal proprio partner. La prima domanda che ci pongono è questa: che prove posso utilizzare in giudizio per chiedere una separazione con addebito per un tradimento avvenuto durante il...

Patto di non concorrenza: cos’è e come funziona

Un tema molto interessante da trattare nell'ambito dei rapporti di lavoro è sicuramente il patto di non concorrenza. LA NOZIONE DI PATTO DI NON CONCORRENZA Il patto di non concorrenza è uno strumento con cui il datore di lavoro limita la possibilità del lavoratore di...

Stalking reciproco: si configura il reato?

LA DOMANDA: STALKING RECIPROCO, SI CONFIGURA IN QUESTA CASO IL REATO? Nell’articolo di oggi analizzeremo una recentissima pronuncia in tema di atti persecutori "Stalking", emessa quest’estate in data 1 agosto 2023, che risponde precisamente alla nostra domanda (se...

Separazione e divorzio: scopri tutte le differenze

Molto spesso alcune clienti chiamano in Studio e pronunciano ad alta voce la fatidica frase “voglio divorziare da mio marito!!”. Di fronte a questa dichiarazione di intenti, rispondo subito: “mi scusi signora, mi consenta una domanda: ma Lei è quindi già separata?”....

Lavoro subordinato: come si accerta il vincolo di subordinazione

L’evoluzione del mercato del lavoro ed in particolare le esigenze di flessibilità emerse con maggior forza negli ultimi anni hanno generato nuove forme contrattuali nelle quali è sempre più difficile cogliere il discrimine tra subordinazione e autonomia lavorativa. LA...

Separazione consensuale dopo la riforma Cartabia: tutte le novità

Oggi esamineremo le più rilevanti novità introdotte dal d.lgs. 10 ottobre 2022, n. 150 c.d. Riforma Cartabia nell’ambito specifico del procedimento di separazione consensuale. NUOVA NORMATIVA Innanzitutto, è doveroso evidenziare che la separazione consensuale, che...

Licenziamento collettivo: cos’è e come difendersi

Un tema molto interessante da trattare è sicuramente quello del licenziamento collettivo. Come già accennato nell’articolo Quanti tipi di licenziamento esistono nel nostro ordinamento?, il licenziamento collettivo è una procedura che diverge per molti aspetti dalle...
Avvia chat
Ciao, possiamo aiutarti?