Amministratore di sostegno lite tra fratelli

da | Giu 27, 2023 | News

La domanda che spesso mi viene posta dai clienti durante le riunioni è: è giusto proporre la nomina di un amministratore di sostegno esterno in caso di lite tra i fratelli per provvedere alla gestione sia dei beni patrimoniali che della cura della persona dell’anziano genitore?

Una delle ipotesi più frequenti che accade quando un genitore diventa anziano è che i figli di quest’ultimo si trovino spesso in disaccordo su quali decisioni debbano essere adottate per tutelare il parente.

Per rispondere a questa domanda è opportuno esaminare prima le caratteristiche principali dell’istituto in commento.

L’AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO: CARATTERI DELL’ISTITUTO

L’amministrazione di sostegno è una misura di protezione a tutela delle persone fragili che è stata introdotta nel nostro ordinamento dalla legge 9 gennaio 2004 n. 6.

Possiamo dire che questa legge ha operato una vera e propria rivoluzione istituzionale e culturale nell’ambito della tutela dei diritti dei soggetti fragili.

Tale istituto, invero, ha affiancato i rimedi ordinamentali più rigidi (come l’interdizione e l’inabilitazione) consentendo di realizzare in favore dei beneficiari degli interventi più flessibili e personalizzati che rispondano nel concreto alle specifiche esigenze di ogni soggetto.

A differenza dell’interdizione, l’amministrazione di sostegno è una misura duttile e meno invasiva che consente di tutelare quei soggetti che si trova nell’impossibilità anche solo parziale o temporanea di provvedere ai propri interessi.

L’ambito di attività dell’amministratore di sostegno e i poteri connessi alla sua funzione possono essere più o meno ampi a seconda delle specifiche esigenze del beneficiario.

L’attività dell’amministratore di sostegno può riguardare anche il compimento di singoli atti a tutela del soggetto.

Ad esempio, l’attività dell’amministratore di sostegno può concretarsi nell’espletamento di uno o più atti di natura patrimoniale, oppure nel compimento di attività che interessano la sola cura della persona, come nel caso dell’espressione del consenso informato in materia medico-sanitaria, in luogo del beneficiario.

LA SCELTA DELL’AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

A norma dell’art. 408 c.c. la scelta dell’amministratore di sostegno avviene con esclusivo riguardo alla cura ed agli interessi della persona del beneficiario.

L’amministratore viene nominato dal Giudice Tutelare e viene scelto, preferibilmente, tra i familiari più stretti del beneficiario (coniuge non separato, una persona stabilmente convivente, il padre, la madre, il figlio, il fratello o la sorella, e comunque un parente entro il quarto grado).

L’articolo 408 c.c. in ordine alla scelta dell’amministratore di sostegno non contiene un ordine preferenziale dei soggetti da nominare che privilegia un soggetto rispetto ad un altro tra quelli citati dalla norma.

La designazione dell’amministratore di sostegno è un atto proprio del Giudice Tutelare che compete solo a lui.

Al riguardo, lo stesso art 408 c.c., al comma 4, chiarisce che il giudice tutelare, quando ne ravvisa l’opportunità, e nel caso di designazione dell’interessato quando ricorrano gravi motivi, può chiamare all’incarico di amministratore di sostegno anche altra persona idonea diversa dai familiari citati dalla norma.

Tale potere, pertanto, consente al Giudice Tutelare di poter disattendere anche l’indicazione dell’amministratore svolta direttamente dal beneficiario.

Ciò chiarito, possiamo ora rispondere al quesito inizialmente posto.

È OPPORTUNO PROPORRE LA NOMINA DI UN AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO ESTERNO IN CASO DI LITE TRA FRATELLI?

Come abbiamo avuto modo di precisare, il giudice tutelare, in assenza di particolari ragioni ostative, solitamente predilige nominare un amministratore di sostegno che sia ricompreso nella cerchia dei familiari del beneficiario.

Vi sono però dei casi particolari in cui la giurisprudenza ha stabilito che sia preferibile nominare un amministratore di sostegno esterno al nucleo familiare:

– in caso di conflitto tra familiari

in questo caso la giurisprudenza ha opportunamente chiarito che la nomina di un amministratore di sostegno terzo rispetto ai familiari consente a quest’ultimo di amministrare gli interessi del beneficiario con la dovuta imparzialità senza che eventuali iniziative assunte a tutela del beneficiario possano acuire i conflitti già presenti tra i familiari (C. Cass, sent. n. 14190/2013).

– quando il familiare designato non è in possesso delle competenze specifiche per garantire un’adeguata protezione del soggetto fragile

Al riguardo, si segnala una peculiare pronuncia del Tribunale di Genova del 4 giugno del 2021, in cui il giudice tutelare, stante la consistenza e la complessità del patrimonio mobiliare e immobiliare da amministrare, ha ritenuto opportuno nel caso specifico di prevedere la nomina di due amministratori di sostegno provvisori.

Avvocato Cristiano Galli

Se vuoi conoscere meglio i servizi offerti dallo Studio in questa materia visita la pagina Diritto di famiglia e delle successioni.

Vuoi maggiori informazioni sulla nomina di un amministratore di sostegno in caso di lite tra fratelli? Contattaci per maggiori informazioni.

Seguici su Facebook e Linkedin

Somministrazione di manodopera e appalto non genuino

SOMMINISTRAZIONE DI MANODOPERA In generale il termine somministrazione di manodopera definisce l’istituto giuridico che consente ad un soggetto terzo di utilizzare risorse lavorative dipendenti da altro datore di lavoro. I SOGGETTI COINVOLTI Nella somministrazione di...

Rinuncia all’eredità: come farla e gli errori assolutamente da evitare

RINUNCIA ALL’EREDITÀ: CHE COS’È La rinuncia all’eredità è l’atto con il quale il chiamato all’eredità dichiara di non voler accettare l’eredità. QUANDO CONVIENE FARLA? La rinuncia l’eredità è una scelta che è utile adottare...

Buon natale 2023 e felice anno nuovo

Carissimi, è in un anno così turbolento come quello che ci stiamo lasciando alle spalle che abbiamo voglia di porgere a tutti Voi i nostri più sinceri auguri di buon natale e di felice anno nuovo. Il 2023, è stato senz’altro un...

Divorzio breve: che cosa si intende con questa espressione?

Da un po’ di anni i nostri clienti, durante gli incontri che si tengono nel nostro Studio, ci rivolgono spesso questa domanda: ho sentito dire che ora è possibile fare il divorzio breve, di che cosa si tratta? Facciamo chiarezza...

Patto di stabilità nei contratti di lavoro: cos’è e cosa prevede

Il patto di stabilità rappresenta una delle tecniche utilizzate dal datore di lavoro per fidelizzare il proprio dipendente. Gli strumenti di fidelizzazione previsti dal legislatore e dalla prassi sono: il patto di stabilità; il patto di non concorrenza (il tema è...

Separazione per tradimento, le prove: quali possono essere?

Molto spesso ci contattano dei clienti che lamentano di essere stati traditi dal proprio partner. La prima domanda che ci pongono è questa: che prove posso utilizzare in giudizio per chiedere una separazione con addebito per un tradimento avvenuto durante il...

Patto di non concorrenza: cos’è e come funziona

Un tema molto interessante da trattare nell'ambito dei rapporti di lavoro è sicuramente il patto di non concorrenza. LA NOZIONE DI PATTO DI NON CONCORRENZA Il patto di non concorrenza è uno strumento con cui il datore di lavoro limita la possibilità del lavoratore di...

Stalking reciproco: si configura il reato?

LA DOMANDA: STALKING RECIPROCO, SI CONFIGURA IN QUESTA CASO IL REATO? Nell’articolo di oggi analizzeremo una recentissima pronuncia in tema di atti persecutori "Stalking", emessa quest’estate in data 1 agosto 2023, che risponde precisamente alla nostra domanda (se...

Separazione e divorzio: scopri tutte le differenze

Molto spesso alcune clienti chiamano in Studio e pronunciano ad alta voce la fatidica frase “voglio divorziare da mio marito!!”. Di fronte a questa dichiarazione di intenti, rispondo subito: “mi scusi signora, mi consenta una domanda: ma Lei è quindi già separata?”....

Lavoro subordinato: come si accerta il vincolo di subordinazione

L’evoluzione del mercato del lavoro ed in particolare le esigenze di flessibilità emerse con maggior forza negli ultimi anni hanno generato nuove forme contrattuali nelle quali è sempre più difficile cogliere il discrimine tra subordinazione e autonomia lavorativa. LA...

Separazione consensuale dopo la riforma Cartabia: tutte le novità

Oggi esamineremo le più rilevanti novità introdotte dal d.lgs. 10 ottobre 2022, n. 150 c.d. Riforma Cartabia nell’ambito specifico del procedimento di separazione consensuale. NUOVA NORMATIVA Innanzitutto, è doveroso evidenziare che la separazione consensuale, che...

Licenziamento collettivo: cos’è e come difendersi

Un tema molto interessante da trattare è sicuramente quello del licenziamento collettivo. Come già accennato nell’articolo Quanti tipi di licenziamento esistono nel nostro ordinamento?, il licenziamento collettivo è una procedura che diverge per molti aspetti dalle...
Avvia chat
Ciao, possiamo aiutarti?