Abbandono del tetto coniugale: conseguenze legali

da | Giu 13, 2023 | News

Proviamo a rispondere a questa domanda: quali conseguenze legali può produrre l’abbandono del tetto coniugale?

Innanzitutto, è doveroso rilevare che a mente dell’art. 143 c.c., in seguito al matrimonio i coniugi acquisiscono numerosi diritti e doveri reciproci.

Tra i doveri menzionati dalla norma è ricompreso altresì il dovere di coabitazione.

L’abbandono volontario del tetto coniugale commesso da uno dei coniugi, senza il preventivo accordo con l’altro coniuge e senza la sussistenza di una giusta causa che possa giustificare l’allontanamento, costituisce senz’altro un comportamento illecito contrario ai doveri nascenti dal matrimonio.

Tale condotta produce inevitabilmente delle conseguenze sia in ambito civile che, in alcuni casi, anche penale.

Passiamo in rassegna le possibili conseguenze.

CONSEGUENZE CIVILI DELL’ABBANDONO DEL TETTO CONIUGALE

In ambito civile, l’abbandono del tetto coniugale, laddove venisse considerata dal giudice come una condotta tenuta dal coniuge in assenza di una giusta causa, può comportare l’addebito della separazione.

Per addebito della separazione si intende la pronuncia del giudice con la quale il medesimo dichiara, dopo aver effettuato gli opportuni accertamenti, che il fallimento dell’unione coniugale è stato determinato da un comportamento del coniuge che ha violato uno o più dei doveri matrimoniali nei confronti dell’altro (se vuoi saperne di più sull’addebito della separazione leggi l’articolo del nostro blog Separazione con addebito).

Tale pronuncia produce due rilevanti conseguenze nei confronti del coniuge ritenuto colpevole:

  1. la perdita del diritto a ricevere l’assegno di mantenimento
  2. la perdita di ogni diritto ereditario nei confronti dell’altro coniuge.

Come indicato in premessa, tuttavia, vi sono delle cause che possono giustificare l’abbandono del tetto coniugale da parte di uno dei coniugi anche senza il preventivo accordo con l’altro coniuge.

CAUSE CHE GIUSTIFICANO L’ABBANDONO DEL TETTO CONIUGALE

Come ricordato in più occasioni dalla Suprema Corte di Cassazione il volontario abbandono del domicilio coniugale è causa di per sé sufficiente di addebito della separazione, in quanto porta all’impossibilità della convivenza, salvo che si provi – e l’onere incombe a chi ha posto in essere l’abbandono – che esso è stato determinato dal comportamento dell’altro coniuge, ovvero quando il suddetto abbandono sia intervenuto nel momento in cui l’intollerabilità della prosecuzione della convivenza si sia già verificata, ed in conseguenza di tale fatto (si veda in tal senso Cass. sent. n. 17056/2007, Cass. sent. n. 12373/2005, Cass. sent. n. 10682/2000 e da ultimo Cass. sent. n. 648/2000).

Tra le giuste cause che possono giustificare l’abbandono volontario dalla casa coniugale, pertanto, sono senz’altro da annoverare: la violenza fisica, verbale o psicologica commessa da un coniuge nei confronti dell’altro coniuge, l’infedeltà dell’altro coniuge o anche l’esistenza di una crisi coniugale talmente grave da rendere non più tollerabile la convivenza dei coniugi sotto lo stesso tesso.

Un’ulteriore causa che può giustificare l’allontanamento volontario dalla casa coniugale è quella identificata dall’art. 146 c.c. a norma del quale La proposizione della domanda di separazione o di annullamento o di scioglimento o di cessazione  degli  effetti  civili  del  matrimonio costituisce giusta causa di allontanamento dalla residenza familiare.”.

CONSEGUENZE PENALI DELL’ABBANDONO DEL TETTO CONIUGALE

Passiamo ora a quelle che possono essere le conseguenze penali scaturenti dall’abbandono del tetto coniugale.

In ambito penale l’abbandono della residenza familiare potrebbe integrare il reato di cui all’art. 570 c.p. intitolato “Violazione degli obblighi di assistenza familiare” che punisce con la reclusione fino a un anno o con la multa da centotre euro a milletrentadue euro “Chiunque, abbandonando il domicilio domestico, o comunque serbando una condotta contraria all’ordine o alla morale delle famiglie, si sottrae agli obblighi di assistenza inerenti alla responsabilità genitoriale, alla tutela legale o alla qualità di coniuge…”.

Dal tenore letterale della norma emerge chiaramente che la condotta punita non è l’allontanarsi dalla casa coniugale ma il sottrarsi agli obblighi assistenziali.

Pertanto, non sussiste reato nei casi in cui il soggetto che si è allontanamento momentaneamente dalla casa coniugale abbia comunicato all’altro coniuge la sua nuova dimora, oppure si sia reso reperibile e soprattutto abbia continuato a fornire i mezzi di assistenza morale ed economica alla propria famiglia.

Al contrario, potrebbe incorrere nel reato di cui all’art. 570 c.p. ad esempio chi, omettendo di pagare le rate del mutuo ipotecario stipulato dai coniugi per l’acquisto della casa coniugale, rischi di far perdere alla moglie e ai propri figli la casa in cui vivono.

Questo proprio perchè i mezzi di sussistenza di cui all’art. 570 comma 2, c.p., comprendono infatti quanto è necessario per la sopravvivenza e quindi in primo luogo l’alloggio (vedasi Cass. sent. n. 13900/2012 e Cass., Sez, Un., sent. n. 23866/2013).

IN CONCLUSIONE

Per tutti i motivi sopra illustrati, si consiglia di rivolgersi sempre ad un professionista che possa aiutare il cliente a gestire questo delicato passaggio.

E ciò proprio al fine di scongiurare il possibile rischio di commettere eventuali illeciti che potrebbero produrre conseguenze esiziali in sede processuale.

Avv. Cristiano Galli

 

Se vuoi conoscere meglio i servizi offerti dallo Studio in questa materia visita la pagina Diritto di famiglia e delle successioni e Reati contro la persona. 

Vuoi maggiori informazioni sulle conseguenze legali derivanti dall’abbandono del tetto coniugale? Contattaci per maggiori informazioni.

Seguici su Facebook, Instagram e Linkedin.

Somministrazione di manodopera e appalto non genuino

SOMMINISTRAZIONE DI MANODOPERA In generale il termine somministrazione di manodopera definisce l’istituto giuridico che consente ad un soggetto terzo di utilizzare risorse lavorative dipendenti da altro datore di lavoro. I SOGGETTI COINVOLTI Nella somministrazione di...

Rinuncia all’eredità: come farla e gli errori assolutamente da evitare

RINUNCIA ALL’EREDITÀ: CHE COS’È La rinuncia all’eredità è l’atto con il quale il chiamato all’eredità dichiara di non voler accettare l’eredità. QUANDO CONVIENE FARLA? La rinuncia l’eredità è una scelta che è utile adottare...

Buon natale 2023 e felice anno nuovo

Carissimi, è in un anno così turbolento come quello che ci stiamo lasciando alle spalle che abbiamo voglia di porgere a tutti Voi i nostri più sinceri auguri di buon natale e di felice anno nuovo. Il 2023, è stato senz’altro un...

Divorzio breve: che cosa si intende con questa espressione?

Da un po’ di anni i nostri clienti, durante gli incontri che si tengono nel nostro Studio, ci rivolgono spesso questa domanda: ho sentito dire che ora è possibile fare il divorzio breve, di che cosa si tratta? Facciamo chiarezza...

Patto di stabilità nei contratti di lavoro: cos’è e cosa prevede

Il patto di stabilità rappresenta una delle tecniche utilizzate dal datore di lavoro per fidelizzare il proprio dipendente. Gli strumenti di fidelizzazione previsti dal legislatore e dalla prassi sono: il patto di stabilità; il patto di non concorrenza (il tema è...

Separazione per tradimento, le prove: quali possono essere?

Molto spesso ci contattano dei clienti che lamentano di essere stati traditi dal proprio partner. La prima domanda che ci pongono è questa: che prove posso utilizzare in giudizio per chiedere una separazione con addebito per un tradimento avvenuto durante il...

Patto di non concorrenza: cos’è e come funziona

Un tema molto interessante da trattare nell'ambito dei rapporti di lavoro è sicuramente il patto di non concorrenza. LA NOZIONE DI PATTO DI NON CONCORRENZA Il patto di non concorrenza è uno strumento con cui il datore di lavoro limita la possibilità del lavoratore di...

Stalking reciproco: si configura il reato?

LA DOMANDA: STALKING RECIPROCO, SI CONFIGURA IN QUESTA CASO IL REATO? Nell’articolo di oggi analizzeremo una recentissima pronuncia in tema di atti persecutori "Stalking", emessa quest’estate in data 1 agosto 2023, che risponde precisamente alla nostra domanda (se...

Separazione e divorzio: scopri tutte le differenze

Molto spesso alcune clienti chiamano in Studio e pronunciano ad alta voce la fatidica frase “voglio divorziare da mio marito!!”. Di fronte a questa dichiarazione di intenti, rispondo subito: “mi scusi signora, mi consenta una domanda: ma Lei è quindi già separata?”....

Lavoro subordinato: come si accerta il vincolo di subordinazione

L’evoluzione del mercato del lavoro ed in particolare le esigenze di flessibilità emerse con maggior forza negli ultimi anni hanno generato nuove forme contrattuali nelle quali è sempre più difficile cogliere il discrimine tra subordinazione e autonomia lavorativa. LA...

Separazione consensuale dopo la riforma Cartabia: tutte le novità

Oggi esamineremo le più rilevanti novità introdotte dal d.lgs. 10 ottobre 2022, n. 150 c.d. Riforma Cartabia nell’ambito specifico del procedimento di separazione consensuale. NUOVA NORMATIVA Innanzitutto, è doveroso evidenziare che la separazione consensuale, che...

Licenziamento collettivo: cos’è e come difendersi

Un tema molto interessante da trattare è sicuramente quello del licenziamento collettivo. Come già accennato nell’articolo Quanti tipi di licenziamento esistono nel nostro ordinamento?, il licenziamento collettivo è una procedura che diverge per molti aspetti dalle...
Avvia chat
Ciao, possiamo aiutarti?